La mostra triestina, curata da Elena Cantori, propone due percorsi distinti: il primo mette in evidenzia la ri-generazione di volti e di alcuni frammenti corporei di citazione michelangiolesca attraverso l’uso la duttilità della resina fluorescente le cui trasparenze colorate permettono allo sguardo di entrare oltre alla superficie della scultura per soffermarsi al suo interno dove sono inseriti residui del fare quotidiano come tappi , sassi, pezzi di giornali ecc.

http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=126162

press_graziano

STEFANO GRAZIANO  Re-generation ottobre 2012