NATUROGRAFIE di Roberto Ghezzi Sabato 15 agosto/8settembre 2020

Sabato 15 agosto 2020 alle ore 19.00 presso la Sala Veruda di Palazzo Costanzi di Trieste


Creare Naturografie in un territorio così vasto, così diversificato, così ricco di storia e suggestioni, è stata per me un’indimenticabile occasione di crescita, umana e professionale.La mia ricerca si è arricchita di esperienze straordinarie ed ho potuto dialogare con ambienti diversi, dalla laguna salmastraal torrente di montagna, dal porto antropizzato al parco fluviale.Ma è sicuramente stato l’aspetto umano, la possibilità di condividere quest’avventura con Persone che amano in mille modi e per mille motivi diversi la loro terra, ad aver lasciato su di me la traccia più profonda e indelebile, proprio mentre la Natura lasciava sulle tele la sua. biologi, assessori, curatori, artisti o semplici appassionati, ancora in grado di meravigliarsi, che insieme alla forza degli elementi hanno scolpito queste terre, la cui bellezza non la puoi disegnare.Al massimo, la puoi chiedere in prestito.Roberto Ghezzi

Sabato 15 agosto 2020 alle ore 19.00 presso la Sala Veruda di Palazzo Costanzi di Trieste si inaugura la mostra “Naturografie, un dialogo tra arte, natura e uomo” di Roberto Ghezzi, evento inserito ufficialmente nella programmazione culturale di ESOF2020 (Trieste città europea della scienza 2020).

La mostra è il tassello finale di un progetto artistico e scientifico iniziato a luglio 2019 il cui fine è quello di unire idealmente l’arco geografico costiero dell’alto Adriatico attraverso l’arte e le sue peculiarità geoambientali.

L’artista Roberto Ghezzi, insieme ai curatori Elena Cantori, Monica Mazzolini e Massimiliano Schiozzi, dopo aver individuato numerosi luoghi in Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Croazia appositamente selezionati considerandone le caratteristiche estetiche, fisiche, chimiche e biologiche (flora e fauna), ha realizzato le installazioni per la creazione di Naturografie, originali opere d’arte di sua invenzione mediante le quali uomo e ambiente entrano in profonda e continua connessione.

In questo processo creativo Roberto Ghezzi agisce scegliendo il luogo dell’installazione, il materiale del supporto e il tempo della creazione, lasciando alla Natura stessa il completamento dell’opera. Nascono così, dalla mano degli elementi e dalla mente dell’uomo, le Naturografie: opere che non rappresentano più il paesaggio, ma lo sono.

Le installazioni sono state realizzate grazie alla co-organizzazione con il Comune di Trieste in un tratto di Rio Farneto nel parco del Cacciatore, quindi nel meraviglioso contesto della riserva naturale Val Rosandra con il patrocinio del Comune di San Dorligo della Valle (Trieste) ed in una zona antropomorfa del canale navigabile della zona industriale di Trieste grazie alla collaborazione della ditta Euronautica 2000 srl e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale.

A queste installazioni si aggiungono quelle realizzate nelle riserve naturali di Isola della Cona in collaborazione con il Comune di Staranzano (Gorizia) e di Canal Novo in collaborazione con il Comune di Marano Lagunare (Udine).

Ulteriori installazioni sono state create nel canale Anfora di Aquileia (Gorizia) grazie alla collaborazione del Comune dell’omonima cittadina, nella riserva naturale di Capodistria “Val Stagnon” in Slovenia e nella riserva naturale alle foci del fiume Quieto in collaborazione con il Comune di Novigrad in Croazia.

Un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno creduto nel progetto ed in particolare agli sponsors che hanno fatto sì che si realizzasse: Fondazione Casali, AcegaApsAmga e ai partners del progetto Kallipolis e Spazio Legno di Trieste.

La mostra sarà visitabile sino al 8 settembre 2020 ogni giorno dalle 10.00/13.00-17.00/20.00

www.cizerouno.it/naturografie2020